IL REGOLAMENTO DEL MATILDE GOLF

Il presente regolamento interno del Matilde Golf s.s.d. intende disciplinare l’utilizzo dei percorsi e delle strutture del circolo, andandosi ad aggiungere alle norme presenti nello statuto della stessa società e di quello della F.I.G. Il presente regolamento è disponibile, per la consultazione, a tutti i soci e gli affiliati della Matilde Golf presso le segreterie dei circoli, per il principio di massima trasparenza, evitando così qualsiasi tipo di arbitrio. Il C.d.A. si riserva di modificare questo regolamento nel caso se ne presentasse la necessità. 

1. MODALITÀ D’AMMISSIONE

2. PAGAMENTO DELLE QUOTE E DURATA DELL’AFFILIAZIONE

3. ACCESSO ALLE STRUTTURE

4. DISPOSIZIONI GENERALI

5. DISPOSIZIONI PARTICOLARI

6. PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

7. DISPOSIZIONI VARIE

Art. 1 – MODALITÀ D’AMMISSIONE

Chiunque desideri far parte del Matilde Golf s.s.d. deve sottoscrivere la domanda d’affiliazione firmando i due appositi moduli. Nella domanda deve essere specificato il tipo di abbonamento. I moduli devono essere consegnati in segreteria. 

Art. 2 – Pagamento delle quote e durata dell’affiliazione

L’affiliazione scade automaticamente il 31 dicembre di ogni anno: ogni anno dovrà essere presentata una nuova domanda d’affiliazione. A partire dal 20 gennaio di ogni anno, chi non avesse ancora provveduto alla presentazione della domanda di affiliazione sarà tenuto al pagamento del green-fee giornaliero in vigore anche se affiliato nella stagione precedente. Le quote di affiliazione e della tessera F.I.G. sono dovute in tre soluzioni: la prima, pari ad 1/3 della quota più la tessera federale, entro e non oltre il 31 gennaio. Il saldo della quota di affiliazione dovrà avvenire entro e non oltre il 31 di marzo. Dal 1° di febbraio chi non fosse in regola con il pagamento della prima rata e dal 1° di aprile chi non fosse in regola con il saldo, sarà tenuto al pagamento del green-fee. 

Art. 3 – ACCESSO ALLE STRUTTURE

L’accesso alle strutture è riservato agli affiliati in regola con i pagamenti della QUOTA D’AFFILIAZIONE e ai giocatori tesserati F.I.G. che hanno pagato il green-fee. Gli orari di apertura e chiusura delle strutture sono stabiliti periodicamente dal Presidente e comunicati via whatsapp.

Art. 4 – DISPOSIZIONI GENERALI

È fatto divieto di fumare in tutti i luoghi chiusi. Il circolo non si assume alcuna responsabilità per il danneggiamento o furto di valori, oggetti personali e di altre cose di proprietà degli affiliati. L’affiliato è responsabile per danni alle cose, alle attrezzature, agli arredi e al personale, che siano provocati dallo stesso. Tutti gli affiliati e tesserati F.I.G. sono tenuti al rispetto degli orari stabiliti di apertura e chiusura e hanno l’obbligo di presentarsi in segreteria prima di svolgere qualsiasi tipo di attività o prima di usufruire di qualsiasi tipo di servizio. Gli affiliati che non osservano le norme del Regolamento sono passibili delle sanzioni disciplinari di cui al’ art. 6 “Provvedimenti Disciplinari”. 

Art. 5 – DISPOSIZIONI PARTICOLARI

5.1 Nella Club House e nelle aree comuni è obbligatoria la frequentazione in abiti decorosi,  sono obbligatori “soft spikes”. 

5.2 Percorsi di gioco; 

1. L’accesso ai percorsi richiede almeno la carta verde. Per il golfista G.A., l’accesso ai percorsi a 18 e a 9 buche può avvenire solo se accompagnato da affiliati in possesso dell’handicap o previa autorizzazione.

2. Per tutte le categorie di giocatori si richiede il rispetto dell’etichetta del gioco del golf e il rispetto dei tempi di gioco. 

3. Tutti i giocatori devono essere in possesso della tessera F.I.G. 

4. È obbligo dei giocatori presentarsi in segreteria prima della partenza ai percorsi.

5. I giocatori sono invitati ad essere puntuali. In caso di prenotazione delle partenze “fuori gara” non sarà possibile attendere oltre l’orario prenotato. Per le prenotazioni fuori gara, attraverso l’apposito servizio, e obbligatorio specificare il nome dei compagni di gioco. In difetto, la prenotazione sarà ritenuta nulla. 

6. I giocatori sono invitati a tenere il tagliando di affiliazione o dell’avvenuto pagamento del green-fee bene in evidenza sulla sacca. 

7. Il noleggio del golf cart e del carrello devono essere pagati prima dell’ingresso al percorso.

8. In caso di maltempo, di lavori di manutenzione o di qualsiasi altro evento, l’agibilità del campo verrà stabilita dal Presidente e sarà prontamente comunicata. Il personale addetto è tenuto a far rispettare rigorosamente tali disposizioni. Eventuali trasgressori verranno segnalati al C.d.A. Il Circolo non si assume alcuna responsabilità per eventuali incidenti che dovessero avere luogo in seguito ad inosservanza del divieto di accesso ai campi o porzioni di essi dichiarati inagibili.

9. I giocatori che intendono accedere al percorso con ingressi giornalieri devono regolare in segreteria il pagamento di tali ingressi prima dell’accesso al campo. 

5.3 Maestri di Golf e Lezioni

1. L’insegnamento del gioco del golf è consentito esclusivamente ai Professionisti appartenenti al Matilde Golf. Occasionalmente potrà essere concessa autorizzazione giornaliera ad altri Professionisti che facciano richiesta al Circolo. 

2. Il Matilde non gestisce né controlla l’attività dei Maestri, i quali svolgono attività indipendente di libero-professionista. Tutte le prenotazioni relativamente alle lezioni con i maestri vanno fatte direttamente con il professionista. Le disdette delle lezioni devono essere gestite con il professionista stesso. 

5.4 Etichetta

1. Abbigliamento. I giocatori devono adottare un abbigliamento consono ai canoni richiesti per il gioco del golf. Sono vietate canottiere sia per gli uomini che per le donne. 

2. Precedenza sul campo. I giocatori impegnati in un giro di 18 buche hanno precedenza su chi effettua un numero di buche inferiore. E’ obbligatoria la prenotazione ma la segreteria può variare gli orari.

3. Cura del campo. I giocatori sono tenuti (anche fuori dai giorni di gara) a sollevare sempre i pitch-mark, rastrellare i bunker e a rimettere a posto le zolle. Devono rispettare i percorsi indicati per i golf cart ed evitare di transitare vicino a tees, greens e avant-greens con gli stessi cart e con i carrelli elettrici o a mano. 

4. Golf Cart. Tutti gli utilizzatori sono tenuti allo scrupoloso rispetto del regolamento. 

a. Si richiede il rispetto delle regole in vigore nella giornata stessa dell’utilizzo 

b. Non è consentito l’utilizzo di più di due golf cart per ogni flight 

c. Per quanto concerne i golf cart privati si richiede la stipula, da parte del proprietario, di una polizza assicurativa per i danni arrecati alle cose e alle persone.

d. L’utilizzo dei Golf Cart privati è concesso solo in presenza del proprietario, di un componente lo “stato di famiglia” o a chi ha sottoscritto un accordo che ne preveda il doppio utilizzo. 

e. È competenza della Direzione consentire o meno l’uso della golf cart, in relazione alle condizioni del percorso. 

f. L’uso della golf cart è consentito ad un massimo di due persone per ogni vettura. 

5.5 Rispetto delle Regole. Tutti i giocatori hanno l’obbligo di rispettare le regole del gioco, le norme di comportamento e l’etichetta. La generale osservanza delle elementari norme di comportamento e di etichetta è volta a garantire indistintamente a tutti, la sicurezza durante la permanenza in campo e un adeguato standard di gioco che non deve essere penalizzato dall’incuria altrui. Il mancato rispetto delle regole del gioco, delle norme di comportamento, dell’etichetta e del regolamento dei golf carts comporta l’allontanamento immediato dal campo di gioco. Il mancato rispetto delle regole del golf durante le gare comporta inoltre il deferimento immediato al Giudice Sportivo. 

5.6 Campo Pratica

1. È richiesto il rispetto delle zone delimitate appositamente per la pratica. 

2. È vietato l’uso di palline del campo pratica sui percorsi di campionato. Il mancato rispetto di tale regola comporta l’immediato allontanamento dal percorso anche nel caso si utilizzino palline di campo pratica di altri circoli. 

5.7 Spogliatoio

1. In generale dovranno essere osservate le buone norme di igiene e di buon ordine degli effetti personali. 2. Per l’utilizzo delle docce è fatto obbligo di calzare idonee calzature antisdrucciolo. 

3. Negli spogliatoi è vietato fumare.

4. Il Circolo non risponde in alcun modo della custodia dei beni di proprietà privata. 

5. Informiamo che gli asciugamani sono di proprietà di società terze e un utilizzo diverso da quello per cui sono forniti sarà sanzionato. 

5.8 Armadietti e deposito sacca 

1. L’affiliato potrà utilizzare, compatibilmente con le disponibilità e previo pagamento, gli armadietti posti nello spogliatoio e i depositi sacca. 

2. Tutti gli affiliati hanno la possibilità di usufruire di questi servizi pagando annualmente il contributo stabilito dal Consiglio di Amministrazione in una unica soluzione e con le stesse modalità e termini di pagamento previsti per le QUOTE D’AFFILIAZIONE. 

3. L’utilizzo degli armadietti è limitato all’abbigliamento sportivo, mentre quello del deposito sacca è limitato alla sola attrezzatura sportiva.

5.9 Iscrizioni gara 

1. Le Iscrizioni saranno normalmente aperte una settimana prima dell’inizio della gara stessa e si chiuderanno alle ore 12,00 del giorno precedente la gara. 

2. Normalmente gli orari e la composizione dei team saranno liberi, fatta eccezione per alcune gare che il Circolo riterrà di regolamentare con orari dedicati per ogni categoria. 

3. In caso di iscrizioni eccedenti il numero massimo, verrà istituita una lista d’attesa secondo ordine di iscrizione.

5.10 Partenze fuori gara. 

1. E’ obbligatoria la prenotazione per le partenze fuori gara e non sarà consentito partire da buche diverse rispetto a quelle indicate dalla Direzione Sportiva. 

5.11 Animali domestici. 

1. Presso il circolo sono ammessi cani esclusivamente se tenuti al guinzaglio. 

2. Possono accedere sul campo esclusivamente se tenuti al guinzaglio e non sono ammessi nelle giornate di gara. 

3. Il proprietario deve provvedere all’eventuale pulizia. 

4. Su richiesta della Direzione il proprietario dovrà immediatamente allontanare i cani che dovessero arrecare disturbo. 

5.12 Rapporti con il personale. 

Il personale addetto alle diverse mansioni è tenuto contrattualmente al rispetto delle regole loro imposte. Per questo motivo invitiamo al rispetto del loro ruolo. Eventuali reclami relativi al comportamento del personale dovranno essere diretti esclusivamente al Presidente. 

5.13 Reclami. I reclami di qualsiasi natura dovranno essere presentati al Presidente, per quanto attiene ad eventuali questioni che richiedano sanzioni disciplinari o multe, dovranno pervenire in forma scritta. 

Art. 6 – PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

1. Il C.d.A., ha il potere e il dovere di deliberare sanzioni disciplinari nei riguardi degli affiliati che si siano resi responsabili di mancanze, che abbiano comunque arrecato un danno morale o materiale o che abbiano violato lo Statuto Sociale o il regolamento. 

2. Le sanzioni disciplinari, in relazione alla gravità del caso, possono essere: a) Richiamo verbale b) Allontanamento con richiamo scritto; c) Sospensione temporanea della frequentazione degli impianti e dei locali della Società o dalla sola attività agonistica; d) Radiazione. 

3. In caso di urgenza, il Presidente della s.s.d., può adottare un provvedimento provvisorio di sospensione immediata, che ha efficacia fino alla delibera del C.d.A. 

4. Il C.d.A. è competente a svolgere gli accertamenti e le indagini relative alle trasgressioni commesse dagli affiliati.

5. Nel caso si tratti di affiliati Juniores la contestazione è fatta anche al genitore o a chi ne fa le veci. 

6. Il provvedimento disciplinare dovrà essere redatto per iscritto e depositato presso la Segreteria; copia dello stesso dovrà essere notificato agli interessati a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno e al Presidente del C.d.A. 

7. Contro il provvedimento adottato l’affiliato potrà presentare ricorso entro 15 giorni dalla data del ricevimento. 

8. La tipologia della pena e l’entità delle multe viene stabilita a seconda della gravità del fatto. 

9. All’affiliato sospeso non saranno rimborsati i contributi di affiliazione corrispondenti al periodo della sospensione 

10. L’affiliato radiato non può essere riammesso né essere invitato nei locali sociali per alcuna ragione o titolo. Il suo nome viene comunicato alla F.I.G. 

Art. 7 – DISPOSIZIONI VARIE

1. Tutte le comunicazioni agli affiliati vengono fatte mediante invio di posta elettronica. Su richiesta, un affiliato sprovvisto di posta elettronica, potrà ritirare le comunicazioni in Segreteria.

2. Gli affiliati devono astenersi dall’impartire al personale dipendente ed ai collaboratori del Circolo istruzioni di qualsiasi genere. 

3. Gli affiliati, nell’interesse e nel rispetto proprio e altrui, sono tenuti a mantenere ordine e decoro negli ambienti che frequentano. 

4. In caso di sospensione parziale o totale delle attività dovuta per causa di forza maggiore (a titolo esemplificativo, evento naturale o provvedimento dell’Autorità per causa non imputabile alla volontà del Matilde Golf s.s.d. o ad ogni suo obbligo di ordinaria diligenza), gli Affiliati rimangono obbligati all’integrale corresponsione delle quote di abbonamento. A tal fine, nello spirito di leale collaborazione con la Società, con la sottoscrizione della domanda di affiliazione e dell’abbonamento, gli Affiliati, dichiarano espressamente di rinunciare, ai sensi e per gli effetti di cui artt. 1341 e 1342 codice civile, ad eventuali rimborsi a carico del bilancio sociale eventualmente disposti da atti normativi. Ove la sospensione totale delle attività si protragga per oltre 60 (sessanta) giorni consecutivi, l’Affiliato avrà diritto di risolvere il proprio rapporto di Affiliazione con la Società liberandosi dal pagamento delle quote di abbonamento a far data dal mese successivo a quello di scadenza del periodo di cui sopra con richiesta di eventuale rimborso ove la quota di abbonamento fosse già stata integralmente versata. 

5. Qualsiasi integrazione, modifica o cambiamento al presente regolamento potrà essere apportata in qualsiasi momento.